Amedeo Nazzari
PDFStampa

amedeo 3

AMEDEO NAZZARI :

 

RITRATTO D’ATTORE

Amedeo Nazzari, nella sua lunga e fortunata carriera, interpreta ben 150 films, in ruoli importanti e meno importanti, con la sua aria severa e impettita, il suo bizzarro accento italo-sardo, i suoi modi bruschi e ostentatamente virili che lo caratterizzano fin dal primo momento, quando si accosta al cinema (1935) con “Ginevra degli A]mieri”. Militare di impeccabile portamento, e di patriottica fierezza, sa essere anche dolce innamorato in un delicato film di Goffredo Alessandrini, “Cavalleria” (1936). Più rude, e pronto al sacrificio per la patria fascista, appare due anni dopo, sempre con Alessandrini, in “Luciano Serra pilota”, su soggetto di Vittorio Mussolini. Anche in seguito, i personaggi di Nazzari esibiscono orgoglio e furore, come nel grande successo del film “La cena delle beffe” (1941) di Alessandro Blasetti, con Clara Calamai, voluttuosa al limite della censura, e Osvaldo Valenti, bieco secondo consuetudine.

Nel dopoguerra forma coppia con Yvonne Sanson per una serie di film melodrammatici. Acquistata maggiore sicurezza, Amedeo Nazzari, che in gioventù era stato apprezzato attore teatrale, affronta imprese più complesse, come “Processo alla città” (1952) e “Un marito per Anna Zaccheo” (1953). Inatteso giunge, nel 1956, il personaggio autobiografico di “Le notti di Cabina” di Federico Fellini, dove l’attore ironizza su se stesso. La mostra su Amedeo Nazzari ripercorre la straordinaria carriera artistica di questo grande attore, unico divo del nostro cinema, attraverso foto di scena e locandine originali, pubblicazioni e immagini di vita privata.

2007

CENTENARIO DI AMEDEO NAZZARI A CAGLIARI

Teatroantico in occasione del Centenario della nascita ripropone la mostra sul grande Attore nella sua città natale: Cagliari. Organizzata in collaborazione con l'Impresa Culturale Lu.Ci di Cinzia Corrias e con i Patrocini dell'Assessorato alla Cultura di Cagliari, la Provincia di Cagliari, la Regione Sardegna, la mostra si è tenuta presso il Museo Ex Mà nel centro di Cagliari. E' stata organizzata anche una rassegna cinematografica dei suoi film più belli.

Teatroantico ringrazia per la preziosa collaborazione Evelina Nazzari che ci ha concesso la preziosa armatura de "La cena delle beffe" e le armi e i cappelli usati da Amedeo Nazzari in vari film. La Mostra si è tenuta dal 5 giugno al 1 luglio 2007.

Giovedì 15 Novembre presso l'aeroporto militare di Cagliari, alla presenza delle autorità comunali e dell'aeronautica militare, si è tenuta la proiezione del film "Luciano Serra Pilota" di Goffredo Alessandrini. In questa occasione la nostra Associazione ha riproposto una piccola mostra con fotobuste e foto originali relative al film.

L'intera manifestazione è stata curata da Giulio D'Ascenzo, Elisabetta Centore e Cecilia Di Stefano.

2005

AMEDEO NAZZARI e L’ITALIA dal 1935 al 1945

(Progetto interculturale: cinema, teatro, storia, donna, tradizioni)

Amedeo Nazzari

Teatroantico, attraverso una mostra fotografica, documentaria e filmografia, vuole ripercorrere, a settant'anni esatti dal suo debutto cinematografico, una carriera professionalmente esemplare e cogliere le ragioni di un mito, ma anche entrare nelle vicende del gusto, del costume e della storia del nostro Paese. La mostra si avvale del Patrocinio del Comune di Monterotondo e si è svolta dall'8 al 31 Marzo presso il Centro culturale "Paolo Angelani" di Monterotondo.

Pochi attori hanno saputo durare come Nazzari, e come lui sollecitare la fantasia e accendere i ricordi di più generazioni, mantenendo inalterata, pur attraverso epoche e mode assai diverse - dai baldanzosi anni Trenta della Cinecittà di regime alla contraddittoria piena occupazione dei tempi bellici, dal clima di riscoperta della realtà del dopoguerra alla consolidata pratica dei "generi" negli anni Cinquanta e nei Sessanta - la propria identità. Identità di carattere e di connotati morali, certo, ma anche, per lunghissimo tratto, di impronta fisica. Il tutto in una unione perfetta che dava l'immediata sensazione dell'uomo ad un tempo forte e onesto, ricco di vigore atletico e di generosità d'animo.

Amedeo Nazzari gira 112 film importantissimi diretto dai più grandi registi italiani e stranieri quali Goffredo Alessandrini, Alessandro Blasetti, Luigi Zampa, Pietro Germi, Federico Fellini, Mario Soldati, Mario Monicelli, Dino Risi, ecc.

Teatroantico attraverso foto di scena e private, locandine, brochures, manifesti, riviste, libri ha ricostruito l'intera carriera di Amedeo Nazzari con non pochi sforzi, in quanto si è trattato di reperire materiale di alto collezionismo, quindi molto costoso e soprattutto raro. Siamo orgogliosi di poter restituire al pubblico questo materiale a 70 anni esatti dal debutto cinematografico del grande attore.

La mostra, curata da Giulio D'Ascenzo, Elisabetta Centore e Cecilia Di Stefano, ha carattere didattico in quanto è indirizzata agli alunni delle scuole di ogni ordine e grado di Monterotondo.

L'Italia dal 1935 al 1945

Teatroantico ha deciso, in linea con quanto ha proposto l'Assessorato alla Cultura di Monterotondo per questa Stagione Artistica, di ampliare questo Progetto con varie sezioni che riguarderanno la Storia d'Italia dal 1935 al 1945.

Racconteremo 10 anni di vita italiana attraverso documenti originali avvalendoci, inoltre, dell'Archivio storico audiovisivo dell'Istituto Luce.

I visitatori avranno modo di avvicinarsi a questo delicato periodo storico e ripercorrere i fatti che portarono l'Italia a partecipare alla Seconda Guerra Mondiale accanto alla Germania e alla successiva caduta del Regime Fascista fino alla Resistenza e alla LIBERAZIONE avvenuta il 25 Aprile 1945.

La Donna

Non poteva certo mancare una sezione dedicata alle grandi attrici che hanno affiancato Amedeo Nazzari nella sua lunga carriera: Elsa Merlini, Maria Denis, Luisa Ferida, Alida Valli, Anna Magnani, Clara Calamai, Ava Gardner, Yvonne Sanson, Giulietta Masina, ecc.

Teatroantico vuole altresì raccontare la storia di quelle donne che hanno contribuito a mandare avanti l'Italia dal 1940 al 1945. Un come eravamo per capire come siamo. Attraverso un recente documentario dell’Istituto Luce, dal titolo “Bellissime”, ripercorreremo la storia della Donna Italiana dagli anni Venti agli anni Settanta.

Le Tradizioni

Ma come vivevano gli Italiani dal 1935 al 1945?

Sempre attraverso una ricca documentazione storica racconteremo il modo di vivere degli italiani, la vita familiare, la moda, che musica ascoltavano, che spettacoli teatrali e cinematografici prediligevano e soprattutto le differenze tra la vita di città con quella di campagna e le relative tradizioni.

1998

ROMA. Presso il Centro Culturale “Insieme per fare”, abbiamo proposto la mostra su Amedeo Nazzari, a cui hanno partecipato Augusto Giordano e Giancarlo Governi. Per realizzare questa mostra ci siamo avvalsi della collaborazione della RAI Radiotelevisione Italiana, Archivio Immagini Cinema Libreria Giolitti, Archivio Cinema Metropolis, Reporters Associati. La manifestazione, corredata da cineforum, è stata ideata e curata da Giulio D’Ascenzo con Elisabetta Centore e Cecilia Di Stefano.

EVENTO 1999


RITRATTO D’ATTORE:AMEDEO NAZZARI. A vent’anni dalla scomparsa Teatroantico celebra Amedeo Nazzari con un percorso espositivo che ripercorre le tappe principali di una carriera durata oltre quarant’anni. La manifestazione ideata e curata da Giulio D’Ascenzo ed Elisabetta Centore si è tenuta presso l’Hotel Ariston ed ha visto la partecipazione del Prof. Enrico Lancia, autore della più completa monografia dedicata al grande attore italiano. Nadia Fabbietti e Silvia Moroni hanno raccontato la straordinaria vita di Amedeo Nazzari, Fabrizio De Filippo ha curato la presentazione del film “Il lupo della Sila”. Il pubblico ha potuto ammirare foto di scena, locandine, fotobuste, riviste, brochures, tutte rigorosamente originali. Sono intervenuti inoltre il Dott. Augusto Giordano, Presidente Onorario dell’Associazione e Carlo Bassoli curatore del Museo Internazionale del Cinema di Roma. L’organizzazione generale è stata curata da Cecilia Di Stefano. Si ringrazia per la collaborazione Armando Giuffrida della Libreria Metropolis e “Roma c’è” per la diffusione di questa giornata dedicata al grande Amedeo Nazzari.

Lunedì 14 Febbraio 2011 20:08