Greta Garbo
Stampa

garbo6

GRETA GARBO, UN MITO SENZA TEMPO

 

2005

MONTEROTONDO. Presso il Centro Culturale "Paolo Angelani" di Monterotondo, abbiamo riproposto la Mostra sulla Divina Garbo per festeggiare i CENTO ANNI dalla nascita della grande Attrice. Patrocinata dal Comune di Monterotondo, la mostra, a cura di Giulio D'Ascenzo e Elisabetta Centore, è stata completata da una Rassegna Cinematografica che comprendeva i più famosi films della Garbo, alcuni molto rari. La mostra ha avuto carattere didattico in quanto è stata visitata dalle scuole di ogni ordine e grado di Monterotondo.

2000

ESTATE ROMANA-L’ISOLA DEL CINEMA. Teatroantico approda per il terzo anno consecutivo all’Isola del Cinema, manifestazione storica dell’Estate Romana, Festival Internazionale di Cinema, giunta quest’anno alla VI edizione. Tema portante dell’intera manifestazione è stato “Il Viaggio”. Il suo stesso nome evoca, giocando con il concetto di isola, l’idea del viaggio inteso come scoperta e avventura di nuovi orizzonti e di culture intriganti, talvolta lontane e poco conosciute. Teatroantico si è inserita in questa manifestazione viaggiando alla ricerca di un personaggio chiamato GRETA GARBO, un altro viaggio è stato quello nella HOLLYWOOD degli ANNI TRENTA, per poi ritornare in Italia alla riscoperta di ALESSANDRO BLASETTI, Padre del Cinema Italiano.

GRETA GARBO, UN MITO SENZA TEMPO vuole celebrare i dieci anni dalla scomparsa della grande attrice. Ideata e curata da Giulio D’Ascenzo ed Elisabetta Centore, la Mostra analizza il fenomeno Garbo nella sua interezza. Greta Garbo è stata l’unica vera leggenda della storia del cinema, la divina e la meno diva di tutte. Non fh mai schiava dello Star System Hollywoodiano. Fuggiva dai fotografi e dai fans di cui non apriva mai le lettere che le arrivavano a migliaia. Nata a Stoccolma nel 1905, dal 1924 al 1941 ha interpretato 28 film, ritirandosi per sempre dalle scene, a 36 anni, quando era al culmine della carriera e ancora bellissima. L’hanno definita “il viso del secolo” e Mauritz Stiller, il grande regista svedese che la scopri e lii il suo pigmalione, le disse “Il tuo è un viso che compare davanti a un obiettivo una volta ogni cento anni . Nessun attore o attrice ha mai esercitato un tale magnetismo dallo schermo e noi abbiamo voluto ripercorrere la vita e la carriera della Garbo analizzando ogni singolo aspetto attraverso foto di scena e non, locandine, brochures, riviste, libri, interviste d’epoca, tutto rigorosamente originale. Per questa grossa Manifestazione abbiamo ottenuto il Patrocinio dell’Ambasciata di Svezia, il Patrocinio del Comune di Monterotondo, la Collaborazione Ufficiale dell’Ente dello Spettacolo e della Libreria Metropolis. Oltre la Mostra Teatroantico ha realizzato anche una Rassegna Cinematografica sulla grande attrice, privilegiando i film che da quasi settant’anni non si erano più visti, se non in sporadici festiva! per cinefili accaniti. L’intera rassegna si è tenuta presso lo Stand Multimediale, realizzato in collaborazione con l’Ente dello Spettacolo, tranne due serate che si sono svolte presso il Cineclub dell’Isola; quattro i film presentati, di cui due inediti: “Il bacio”,1929 (inedito),“La regina Cristina”,1933,“Orchidea selvaggia”,1929(inedito) e“Ninotchka", 1939.

GRETA GARBO, UN MITO SENZA TEMPO è anche un Libro che analizza la carriera artistica di Greta Garbo. Il Libro di Giulio D’Ascenzo ed Elisabetta Centore è stato Patrocinato dall’Ambasciata di Svezia e dal Comune di Monterotondo, Assessorato alla Cultura e P.E. I! Libro èstato presentato il 29 giugno all’Isola del Cinema e il 5 Agosto al Comune di Monterotondo, a entrambe le serate, insieme agli autori, erano presenti l’incaricato d’Affari dell’Ambasciata di Svezia Christer Nillson, l’Assessore alla Cultura di Monterotondo Dott. Pasquale Gigante, la giornalista di NOI DONNE Dott.ssa Costanza Fanelli. Dal 29 giugno al 12 agosto ben 60.000 visitatori hanno potuto ammirare e riscoprire un’attrice unica. Molti personaggi illustri hanno visitato la mostra, ricordiamo con piacere Arnoldo Foà, Greta Scacchi, Gillo Pontecorvo, Gila Almagor, Mara Blasetti, Claver Salizzato, Costanza Fanelli, l’Assessore alla Cultura di Monterototido Pasquale Gigante, l’Incaricato d’Affari dell’Ambasciata di Svezia Christer Nillson, l’Ambasciatore Australiano Rory Steel, Piera Degli Esposti, ma anche i numerosi esponenti delle tante cinematografie internazionali presenti all’Isola del Cinema. Un grazie particolare a Lillemmor Borelli, incaricato culturale dell’Ambasciata di Svezia e a Cesira De Vito e Giorgio Ginori, ideatori e curatori dell’Isola del Cinema e a Cecilia Di Stefano ha curato l’organizzazione generale dell’intera Manifestazione.

IL GARBO DI GRETA. Dal 7 Ottobre al 6 Novembre Teatroantico ha riproposto a Roma la Mostra su Greta Garbo presso Il Posto delle Fragole, Centro di Cultura Italo Scandinava. In collaborazione con l’Ambasciata di Svezia e l’Istituto di Cultura di Stoccolma, la nostra Associazione ha riproposto alcuni dei film inediti della Garbo, tra cui “La saga di Gosta Berling”, primo film di Greta Garbo. La serata inaugurale ha visto la partecipazione dell’attrice Anita Ekberg che ha parlato del mito della Garbo. Teatroantico ringrazia il giornalista Aldo Garcia per la presentazione del Libro GRETA GARBO, UN MITO SENZA TEMPO, di Giulio D’Ascenzo ed Elisabetta Centore, Teatroantico Edizioni.

1995

MONTEROTONDO. Nel 1995 in occasione del Centenario del Cinema, abbiamo deciso di realizzare una serie di manifestazioni per festeggiare, degnamente, il compleanno della Settima Arte. Prima, in ordine di tempo è la Mostra fotografica, documentaria e filmografia dedicata alla “Divina” del cinema: Greta Garbo. La Mostra non vuole essere solo un omaggio all’arte e alla bellezza di una grande attrice, ma vuole anche mettere in rilievo come dietro il volto della divina si riveli una donna estremamente umana, ben diversa dall’immagine fredda e remota impostale dallo star system hollywoodiano... la leggenda della GARBO. Ma il prezzo da pagare sarà alto, anzi altissimo: la felicità verrà sostituita dalla solitudine, ed è proprio così che potremmo intitolare la nostra retrospettiva: “Garbo, solitudine di una diva”. Il suo solo rammarico è stato quello di non essere riuscita a dar qualcosa di più a di se stessa. Dal 18 al 21 settembre, in occasione dei 90 anni dalla nascita, presso il Centro culturale Paolo Angelani di Monterotondo, abbiamo proposto la mostra fotografica, documentaria e filmografia dedicata alla grande attrice “Greta Garbo”. Patrocinata dal Comune di Monterotondo in collaborazione con le testate giornalistiche “Tempo”, “Messaggero”, “L’Unità”, “La Repubblica”, “Noi Donne” e dell’Archivio immagini cinema “Libreria Giolitti”. La mostra è stata ideata e curata da Giulio D’Ascenzo con Elisabetta Centore e Cecilia Di Stefano.

Lunedì 14 Febbraio 2011 20:05